Il rimorchio in oggetto fa parte dell’unico lotto di 35 unita definiti anche bagagliai leggeri, costruiti dalla OM fra il 1958-1960, essi venivano trainati prettamente da automotrici ALn 556, 772 e 668, prive di cabina di guida, venivano agganciati sempre in coda alle automotrici. Oltre al trasporto di collettame erano dotate di panchine ribaltabili per il trasporto di passeggeri per un totale di 24 unità tutti a sedere di 2 classe, la velocità massima era di 85 km/h. Intanto negli anni 80 cominiciava il declinio dei rimorchi LDn 24, con il relativo accantonamento e demolizione. Nel 1994 solo il rimorchio LDn 24333 è stato recuperato per l’utilizzo sulla ferrovia turistica Palazzolo-Paratico Sarnico, non prima di aver subito delle modifiche interne a cura delle officine di Cremona, riguardante la rimozione delle panchine ribaltabili e il montaggio di supporti per il trasporto di biciclette, inoltre è stata montata la condotta passante a 78 poli per potere intercalare il rimorchio al centro delle automotrici 668 in modo da garantire il loro funzionamento in comando multiplo, infine ha acquisito i colori delle 668 per la continuità cromatica, che prevedeva il tetto colore bianco panna, la fascia dei finestrini, porte e longherone nel colore grigio azzurro, fascia sotto i finestrini nel colore beige pergamena e una piccola fascia sotto i finestrini, pancone e custodie dei respingenti nel colore rosso segnale. Il loro scarso utilizzo sulla Palazzolo-Paratico Sarnico, ha comportato l’accantonamento nel D.L. di Cremona. Nel 2007 avvenne il vero recupero con l’inserimento nel parco rotabili storici di Trenitalia e il restauro fu curato dall’associazione di Milano smistamento, che l’ho riportò nei colori originali in castano Isabella. Nel 2014 il rimorchio LDn 24333 assieme alla E646 196 e alla Aln 668 1936 vengono inviati in sicilia, dove nel frattempo tutti i rotabili storici passano sotto la gestazione di Fondazione FS. Nel 2016 iniziano i lavori di restauro sia interno che esterno, (vedi articolo dedicato) in  cui si arriverà alla livrea grigio-azzurro beige-pergamena (concordata con Fondazione FS) che meglio si adatta alla livrea delle storiche ALn 668 impegnate spesso sui Binari senza Tempo sulla linea Agrigento Centrale-Porto Empedocle