Trenino Verde rilancio o inutili promesse?

Condividiamo il pensiero del Dott. Pietro Fattori: Da anni la Regione Sardegna produce soltanto inutili promesse. Il tempo passa e questo immenso patrimonio, che il mondo ci invidia, rischia di perdersi per sempre a causa dell’incuria e del degrado che minacciano infrastrutture e mezzi. Dopo i sequestri degli scorsi giorni – che hanno fatto emergere una situazione a dir poco drammatica – auspico da parte degli amici sardi e, soprattutto, dagli appassionati italiani e non solo, una presa di posizione netta, un coro unanime di protesta. L’Italia ha già vissuto il suo drammatico 1985, o l’era Signorile che dir si voglia: oggi vi è la piena consapevolezza che la salvaguardia e la valorizzazione delle nostre infrastrutture storiche insieme alla promozione di un nuovo modello di turismo lento che punta alla riscoperta del territorio, sono gli ingredienti fondamentali per tornare a competere nel comparto del turismo nel post Covid. E la Sardegna non può e non deve perdere questa opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente

Doveroso ringraziamento

Articolo successivo

Comitato Ferrovia Agrigento-Sciacca-Trapani