Treno del Barocco – Siracusa-Modica – 05/09/2020

E’ partito sabato 5 settembre, il secondo Treno del Barocco, con origine dal capoluogo aretuseo, inserito nel Programma dei Treni Storici del Gusto edizione 2020, promosso dalla Fondazione FS Italiane e dalla Regione Sicilia Assessorato Regionale al Turismo, con la collaborazione di Slow Food Sicilia. Il convoglio, partito regolarmente alle ore 15:17,  dalla stazione di Siracusa, era composto dalla locomotiva diesel  D 445 1006, era composto da un bagagliaio a due assi tipo DI 92000, una carrozza tipo Corbellini in livrea castano isabella e due carrozze tipo Centoporte, una in castano isabella ed una in grigio ardesia. Come in altre occasioni, una rappresentanza di TrenoDoc,  ha fornito l’assistenza ai viaggiatori affinchè a bordo treno venissero rispettate le prassi previste dalla normativa antiCovid19, come l’uso di dispenser di gel igienizzante, il distanziamento dei posti a sedere e l’uso delle mascherine. Durante il percorso alcuni rappresentanti di Slow Food Sicilia, hanno illustrato, ai circa 100 passeggeri presenti, alcuni  prodotti enogastronomici più rappresentativi del territorio del val di Noto quali la mandorla di Noto, la pizzuta di Avola, il cavolo vecchio, il sesamo, il fagiolo Cosaruciaro di Scicli e la fava Cottoia di Modica. Alle ore 16:50, il treno è giunto a Scicli dove ha effettuato  una sosta di 2 ore e 40 minuti. Dalla stazione della splendida cittadina barocca, i passeggeri sono stati condotti, dalle guide locali, alla scoperta dei principali luoghi e monumenti storici come la trecentesca Chiesa di San Giovanni Evangelista  e la settecentesca facciata della chiesa di San Michele Arcangelo. Il tour è proseguito con la visita di  parte del palazzo Bonelli Patanè e di una parte del palazzo Spadaro, con i suoi otto balconi in ferro battuto e decorazioni geometriche stile rococò. Uno sguardo è stato rivolto dai partecipanti anche all’ antica farmacia Cartia, originaria del 1902 e divenuta nel 2014 un sito culturale. Alle 19:30 il treno è ripartito da Scicli per giungere a Modica alle ore 19:43. Qui i visitatori, accompagnati dalle locali guide messe a disposizione dall’Assessorato al Turismo, hanno potuto visitare i luoghi più significativi quali il palazzo della Cultura, sede del Museo del Cioccolato, la Chiesa del Carmine, la chiesa di San Giorgio, quella di San Giovanni Evangelista (una delle chiese più antiche) e la Chiesa del Soccorso. Successivamente i passeggeri hanno avuto del tempo libero a disposizione per svolgere eventuali acquisti e consumare i prodotti tipici nei locali della cittadina. Alle ore 23:30 il treno è ripartito da Modica per giungere all’1,05 alla stazione di Siracusa, dove i partecipanti hanno salutato e ringraziato il personale di TrenoDoc, in divisa storica degli anni 50, che ha fornito assistenza ai viaggiatori durante tutto il viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *