TPI 2019 – Treno Plastici d’Italia

Per il quarto anno consecutivo TrenoDOC ha partecipato all’evento Treno Plastici d’Italia giunto all’edizione 2019. Un evento mediatico, creato sulla piattaforma YouTube, nel quale un unico convoglio ferroviario, ha percorso i binari di 40 plastici sparsi per tutta la nostra penisola da nord a sud, a suggellare l’amicizia e la condivisione tra tutte le bellissime realtà fermodellistiche di appassionati di ferrovia in scala HO. Quest’anno, il convoglio che ha riprodotto il TPI era rappresentato dal binato Breda, le Automotrici ALn 442-448 doppie, a gasolio, delle Ferrovie dello Stato, costruite nella seconda metà degli anni cinquanta del secolo scorso allo scopo di approntare in tempi brevi un treno in grado di effettuare servizi internazionali Trans Europ Express: la trazione termica non imponeva il cambio del locomotore alla frontiera, necessario nel caso di trazione elettrica.  Il treno, denominato “Treno Straordinario 19785” ha percorso la nostra penisola da Nord a Sud, concludendo la sua lunga corsa durata tre giorni, sul plastico del GS Fremo di  Catania. La nostra Associazione ha partecipato, realizzando le riprese video sul plastico modulare associativo nel quale il Binato Breda ha fatto visita alle Stazioni di Lascari e Carini e sul plastico sociale, inaugurando la nuova Stazione di Perpignano. Nel video abbiamo voluto inoltre ricordare le ferrovie sicule a scartamento ridotto, con il transito di una RALn 60 su un tratto di ferrovia appositamente riprodotta. Tutti i filmati sono stati resi visibili su YouTube dal 27 al 29 dicembre, con pubblicazioni cadenzate come a scandire un reale viaggio per tutto lo stivale e riscuotendo grande successo in termini di visualizzazioni e numerosi apprezzamenti tra il mondo fermodellistico italiano. L’appuntamento che tutti i partecipanti si sono dati è al prossimo viaggio del Treno Plastici d’Italia, Edizione 2020. Potete ammirare il video realizzato da TrenoDOC, in occasione del TPI 2019, al seguente link: Partecipazione TrenoDoc TPI 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *